Cerca
Close this search box.

Rinunciare eredità costi

rinunciare eredità costi

Prima di decidere di rinunciare o accettare una eredità molti si chiedono quali siano i costi da sopportare.

Con il presente articolo cercheremo di fare chiarezza sul tema dei costi di rinuncia all’eredità.

Rinunciare eredità: cosa comporta

Innanzitutto chiariamo cosa significa “rinuncia all’eredità” e quali siano le conseguenze connesse alla rinuncia.

L’acquisto dell’eredità non si verifica automaticamente al momento del decesso ma necessita di un atto di accettazione, espressa o tacita, da parte dei soggetti chiamati all’eredità.

Questo principio è valido sia per la successione legittima sia per la successione testamentaria.

Ciò dipende dal fatto che con l’acquisto della qualità di erede si subentra in tutto il patrimonio lasciato dal defunto, tanto nel “lato attivo” (crediti, proprietà ecc.) quanto nel “lato passivo” (debiti).

Pertanto, la legge consente al chiamato all’eredità di valutare attentamente l’opportunità e la convenienza di accettare l’eredità a lui offerta. Si pensi al caso in cui il de cuius lasci dei debiti di valore superiore ai beni.

Con la rinuncia all’eredità il chiamato dichiara formalmente e solennemente di non volere accettare l’eredità e quindi di non voler subentrare in alcun rapporto del defunto.

E’ bene ricordare inoltre che la rinuncia all’eredità (come l’accettazione) non può in alcun caso essere parziale, cioè deve necessariamente riguardare tutta l’eredità (quindi non è possibile rinunciare solo ad alcuni beni).

Come si rinuncia all’eredità

La rinuncia all’eredità è un atto formale e solenne che deve farsi in modo espresso nelle forme stabilite dalla legge. Non è ammessa la rinuncia tacita all’eredità.

La dichiarazione di volere rinunciare all’eredità può essere effettuata in due modi:

  • Dichiarazione davanti ad un notaio
  • Dichiarazione resa presso la cancelleria del Tribunale territorialmente competente per la successione

Rinunciare all’eredità: costi fissi e variabili

I costi connessi alla rinuncia all’eredità sono essenzialmente dovuti a due componenti:

  • Imposte e tasse dovute allo Stato
  • Onorario del professionista a cui ci si rivolge

Rinuncia all’eredità: i costi per tasse e imposte

In ogni caso, la rinuncia all’eredità comporta i seguenti costi:

  • € 16,00 per la marca da bollo da applicare all’originale dell’atto
  • € 200,00 per la registrazione della dichiarazione di rinuncia
  • marca da bollo di € 16,00 + marca da bollo di euro € 11,80 per ritirare la copia conforme all’originale della rinuncia

Hai bisogno di una consulenza in materia di successione ereditaria?

CONTATTA LO STUDIO COME PREFERISCI

Rinuncia all’eredità: i costi del professionista

Il costo variabile della rinuncia all’eredità è dato dall’onorario del professionista legale a cui ci si rivolgerà per la procedura.

Entrambe le modalità di rinuncia all’eredità presentano vantaggi e punti a sfavore, quindi la scelta dipenderà essenzialmente dalle esigenze particolari del singolo caso.

  • La rinuncia all’eredità presso un notaio ha sicuramente il vantaggio di potersi concludere in tempi ragionevolmente rapidi ma è anche l’opzione più costosa in quanto comporterà, ovviamente, il pagamento della parcella del notaio (che generalmente ha un costo di 700 / 800 euro)
  • Rinunciare all’eredità in Tribunale non richiede costi ulteriori rispetto alle tasse e bolli già menzionati ma comporta attese più lunghe (in base al carico di lavoro del tribunale) e il dover gestire da soli tutta la procedura (istruttoria, prenotazione ecc.) con il conseguente rischio di compiere errori gravi e perdere ulteriore tempo.

Rinunciare all’eredità in tribunale con l’assistenza di un avvocato

Esiste tuttavia una terza opzione intermedia tra le due viste in precedenza: rinunciare all’eredità presso il Tribunale con l’assistenza legale di un avvocato che si occupa di successioni ereditarie.

Rivolgersi ad un avvocato per la rinuncia all’eredità ha molti vantaggi:

  • usufruire di una consulenza legale specializzata per decidere consapevolmente se accettare o rinunciare all’eredità
  • affidare l’incarico ad un professionista per gestire l’intera fase di istruttoria, prenotazione e assistenza presso il Tribunale
  • da ultimo, ma non necessariamente meno importante, consente di contenere i costi dell’onorario rispetto alla rinuncia presso un notaio

In conclusione, quindi, è possibile affermare che la rinuncia all’eredità tramite avvocato è l’opzione migliore per coloro che non hanno l’urgenza di concludere la procedura in pochi giorni (ricordiamo infatti che, se non si è in possesso di beni ereditari si può rinunciare fino a 10 anni dall’apertura della successione), vogliono contenere i costi ma, al tempo stesso, usufruire di una assistenza legale qualificata.

Avvocato successioni – Rinuncia eredità

L’avvocato civilista Alessandro Paccosi offre servizi di consulenza ed assistenza legale per tutte le questioni riguardanti l’accettazione e la rinuncia all’eredità.

Se hai un quesito o vuoi richiedere un preventivo gratuito per l’assistenza legale alla rinuncia all’eredità tramite avvocato presso il Tribunale puoi contattarci tramite:

Se sei impossibilitato a recarti presso lo studio in Roma puoi usufruire del servizio AVVOCATO ONLINE pensato appositamente per coloro che preferiscono ricevere una consulenza a distanza.

Picture of Avv. Alessandro Paccosi

Avv. Alessandro Paccosi

Lascia un commento

Articoli recenti

Contatta lo studio

Telefono:
+39 351 9742370

E-mail:

info@avvocatoalessandropaccosi.it

Indirizzo:
Via Monte Bianco, 113, 00141 Roma (RM)

Orari:
Lo studio è a disposizione h24

7 giorni su 7

Si riceve in sede previo appuntamento